La Dichiarazione di Popayán - Incontro Orizzonti della Gestione dell'Acqua Pubblica e Comunitaria 2023

La Piattaforma per i patti pubblici e comunitari delle Americhe (PAPC) ha sostenuto l’incontro “Orizzonti della gestione dell'acqua pubblica e comunitaria del 25, 26, 27 settembre 2023 nella città di Popayán, Cauca, Colombia, per condividere conoscenze ed esperienze e permetterci di farlo rinnovare la nostra comprensione delle nuove e vecchie strategie di esproprio e privatizzazione dell’acqua e di confrontarci ed organizzarci per combatterli.

Si sono incontrate persone, organizzazioni e movimenti provenienti dalle Americhe, dall'Europa, dall'Africa e dall'Asia. Tre giorni nella capitale del Dipartimento del Cauca, rendendo omaggio a questo Territorio che risiede alla confluenza di secoli di lotte dei popoli indigeni, dei neri e dei contadini comunità in difesa della terra, delle culture e dell’acqua. Ma ci dispiace constatare che alcuni de* nostr* compagn* provenienti dall’Africa e dall’Asia non hanno potuto essere qui a causa dell’ingiustizia e del razzismo che caratterizza la mobilità internazionale attraverso la concessione arbitraria e iniqua di visti e permessi di viaggio. Deploriamo le barriere all'ingresso in Colombia per i nostri compagn* del Sud del mondo che dimostrano che la mobilità internazionale è controllata da fattori razzisti e coloniali che limitano le possibilità di solidarietà faccia a faccia tra i popoli precedentemente colonizzati. Insistereremo sull'abbattimento delle barriere, sull'incontro e sul rafforzamento degli scambi tra i paesi popoli del Sud.

Con la nostra presenza nel massiccio colombiano rendiamo omaggio anche al grande fiume Cauca ed ai suoi affluenti, i fiumi Molino, Piedras, Pisojé, Palacé, che costituiscono le attuali Forniture d’acqua per la città di Popayán. Il fiume Vinagre, che nasce nella vecchia miniera di zolfo sul pendii del vulcano Puracé e i fiumi Negro, Ejido, Blanco, Hondo, Saté e Clarete sono anch'esso parte di questo mosaico idro-sociale che attraversa il comune di Popayán da est a ovest.

L'acqua ci chiama, ci parla, ci ricorda con la sua stessa voce che è un essere vivente. L'acqua è costante movimento, è nuvola, mare e neve, fiume e lago, pioggia, rugiada e primavera. L’acqua inumidisce la nostra terra, la Pachamama, dà vita agli ecosistemi su cui noi stessi ci basiamo e dipendiamo, siamo parte di loro, fluiamo con loro e per questo dobbiamo difenderli.

L’acqua è la nascita della vita e per alcuni un dono divino e un’espressione perpetua della grazia divina per tutta la creazione. È una condizione fondamentale per tutta la vita sulla Terra e deve essere preservata e condiviso a beneficio di tutte le creature e del creato in generale. L'acqua è una fonte di salute e benessere ed esige responsabilità da parte degli esseri umani. L'acqua è un elemento presente in praticamente tutti gli esseri viventi sulla faccia della terra. L'acqua ci unisce.

Vogliamo costruire una democrazia dell’acqua. Solo un approccio etico, reciproco, trasparente, comunitario, il rapporto senza scopo di lucro e disinteressato con l'acqua può creare democrazia, convivenza e la pace tra noi e l’acqua è possibile.

Al contrario, osserviamo processi che vogliono farci rapportare all’acqua con violenza, interesse, appropriazione e disprezzo. Processi che vogliono sottomettere l'acqua e la natura alla logica dell' mercati dominati dalla finanza e dagli agenti finanziari alla ricerca di nuove opportunità di mercato investimenti privati e profitto. Si avvalgono della deregolamentazione dell'economia e del ritiro dello Stato e del suo controllo societario, spazzando via tutto ciò che è comune, tutto ciò che è pubblico e comunale. Vogliono intrappolare, dominare e sottomettere l'acqua.

Leggi la Dichiarazione di Popayán completa in italianoinglese, francese, spagnolo e tedesco.