Carta dell’Acqua di Berlino

 

Wassercharta

Prefazione

Le quote azionarie private nella Berliner Wasserbetriebe (BWB – Azienda dell’Acqua di Berlino) sono state riscattate dal Land di Berlino alla fine del 2013. Noi intendiamo andare oltre e democratizzare sia La BWB sia l’insieme delle politiche dell’acqua e giungere così a una gestione dell’acqua potabile a Berlino ispirata alla trasparenza, equità sociale e sostenibilità ambientale.

A questo fine il Tavolo dell’Acqua di Berlino ha elaborato una bozza di Carta dell’Acqua per Berlino. È nostra intenzione ampliare ulteriormente questa bozza con un ampio dibattito all’interno della società. Desideriamo raccogliere le diverse aree di competenza sul tema dell’acqua nella nostra città e invitare la popolazione di Berlino a partecipare attivamente. Intendiamo la Carta dell’acqua di Berlino come base delle disposizioni statutarie e come guida per la Berliner Wasserbetriebe.

Leggi tutto...

Il Blueprint della Commissione mette in vendita acqua e natura

In tema di politica dell’ acqua, la parola d’ordine nella UE è "scarsità”. Da un punto di vista prettamente economico, quando un prodotto scarseggia, il suo prezzo aumenta. Sarebbe il caso dell’acqua se questa fosse considerata una merce, e il Blueprint ce lo ricorda fin dalla prima pagina. Qualificando come scarsità quello che dipende dalla nostra cattiva gestione e dall’inquinamento dei corpi idrici, nel sottosuolo come in superficie, è stata data all’industria la possibilità di fornire nuove soluzioni di alta tecnologia: desalinizzazione dell’acqua del mare, riutilizzo delle acque reflue, acqua in bottiglia nelle zone inondate e colpite dalla siccità. Invece di concepire nel suo insieme la gestione dell’acqua in modo sostenibile, operando scelte diverse per la produzione agricola e per la produzione di energia,invece di riconsiderare i processi decisionali per introdurvi la partecipazione effettiva dei cittadini, il Blueprint prescrive di nuovo la solita cura il cui fallimento è ormai evidente.

Leggi tutto...

R-esistenze contro la privatizzazione dell'acqua!

Nell'ultimo numero del Granello di Sabbia ho raccontato delle politiche di austerity influiscano sull'“acqua” rafforzando le privatizzazioni tanto care alle politiche neoliberiste. Fortunatamente anche le pratiche di resistenza alle privatizzazioni, non solo dell'acqua, si diffondono sempre di più.

Oltre all'Italia di cui tutti seguiamo da vicino la situazione, anche grazie a Granello di Sabbia e in cui il caso di Napoli rappresenta un potenziale modello, in altri contesti le pratiche di resistenza meritano la nostra attenzione. Ci occuperemo in particolare di quel che succede in Spagna, in Grecia, in Germania e in Portogallo. Per avere maggiori informazioni su altre campagne per la rimunicipalizzazione consiglio di dare un'occhiata al Water Remunicipalisation Tracker, un progetto on-line del TNI.

Leggi tutto...

Blueprint: copertura dei costi e tariffazione

Il 14 novembre scorso la Commissione europea ha adottato il “Piano per la salvaguardia delle risorse idriche europee” meglio noto come Blueprint. Si compone di 18 Misure miranti a rendere più efficace la politica della UE nel settore idrico. Le 18 Misure sono state proposte a seguito di una valutazione, con la procedura del Fitness Check, del quadro legislativo europeo sulla gestione dell’acqua. Il Fitness Check ha identificato incoerenze, manchevolezze e difficoltà applicative della Direttiva Quadro sulle Acque (DQA) adottata nel 2000 e in diverse altre direttive collegate (acque reflue urbane, acque sotterranee, inondazioni…). Gran parte delle misure proposte dal Blueprint riguardano questioni economiche e finanziarie.

Leggi tutto...

Il diritto umano all’acqua

La questione dell’accesso all’acqua e dell’acqua come bene comune e come diritto umano sono assolutamente centrali nel discorso politico contemporaneo e si profilano come fondamentali nel prossimo futuro; e tuttavia non si tratta certo di questioni recenti o che nascono dal nulla. Questo articolo si ripropone di fornire un excursus ragionato su le varie fasi della storia politica che dalla Seconda guerra mondiale ad oggi hanno portato al riconoscimento del diritto umano all’acqua da parte della Assemblea generale delle Nazioni Unite (luglio 2010) e al tempo stesso di analizzare la situazione attuale rispetto all’effettivo riconoscimento di questo diritto a tre anni quasi dalla risoluzione (con una particolare attenzione ad alcuni casi specifici e alla situazione Europea, dove è in corso una Iniziativa cittadina europea sull’acqua come diritto umano).

Leggi l’articolo de Elisabetta Cangelosi sul sito della rivista Storia e Futuro