Torino: la lunga marcia verso la rimunicipalizzazione dell’acqua

Il 9 ottobre 2017 il Consiglio comunale di Torino ha ribaltato l’orientamento politico delle precedenti maggioranze compiendo il primo passo verso la rimunicipalizzazione dell’acqua di Torino Metropolitana[1]. Ha così dato inizio a una nuova fase della sua lunga marcia verso il recupero di sovranità sul servizio idrico dell’area metropolitana torinese, ricostruito nel dopoguerra sulle macerie di una città semi-distrutta dai bombardamenti alleati e dalle rappresaglie dell’occupante nazista contro la resistenza democratica popolare.

Leggi tutto...

Aggiornamento della situazione delle acque greche

Salonicco, 24 gennaio 2018

Il 15 Gennaio il Parlamento Greco ha votato una legge per superare la terza valutazione della Troika. Fra le altre cose, la legge include il trasferimento delle compagnie idriche (51%) direttamente al Superfund. Quando il Superfund è stato creato, l’idea era che tutte le compagnie pubbliche fossero trasferite a una compagnia che sarebbe stata una filiale del Superfund. In realtà la situazione è peggiore della precedente.

Il giorno successive al voto in Parlamento TAIPED (HRADF) ha annunciato il passo successivo dei suoi progetti di privatizzazion, fra cui il 24% di EYATH (compagnia idrica di Salonicco) e 11% di EYDAP (compagnia idrica di Atene). Dal terzo memorandum avevano sempre parlato di una vendita del 23% di EYATH, che è ora passata al 24%, lasciando la parte pubblica con solo il 50% +1 delle azioni.

A Settembre 2016, il sindacato dei lavoratori di EYATH ha presentato una causa alla Corte Suprema per la creazione del Superfund e il trasferimento di EYATH al suo interno. Il caso verrà giudicato alla fine di Febbraio. Al momento stiamo verificando se la causa iniziata nel 2016 è coerente con il trasferimento del15 Gennaio o se è necessario intraprenderne un’altra!

Leggi tutto...

Rimunicipalizazzione dell'acqua a Torino

Dopo 6 anni Il Consiglio Comunale di Torino inizia ad attuare la volontà popolare espressa dal referendum contro la privatizzazione del 2011.

Lunedì 9 ottobre 2017, con il voto favorevole del gruppo di 5Stelle, di "Torino in Comune" e di "Direzione Italia", è stata approvata la trasformazione della Azienda Idrica SMAT S.p.A in Azienda Speciale di diritto pubblico.

Dopo Napoli, Torino è la seconda grande città italiana che rimunicipalizza. Da oggi inizia il percorso che andrà integrando mano a mano anche le 40 municipalità dell'area metropolitana della città. Questo processo terminerà formalmente in aprile del 2018.

Leggi tutto...

ABC Napoli : Ennesimo bluff

Acqua e trasporti sono la croce della nostra città, come venirne fuori? E se il Comune diventasse ribelle?

Qualche sera fa, in uno dei vicoli del Centro Antico, ho incontrato un compagno che ha più dimestichezza e intelligenza interpretativa del sottoscritto nell’analizzare la contorta semantica del burocratese.

Ne ho approfittato per chiedergli ragguagli sugli aumenti tariffari preannunciati nella delibera ABC del 3 novembre 2017 “nuova articolazione tariffaria e bonus sociale idrico”. Il compagno, proprio perché dotato di raffinata perspicacia, ha subito intuito che stavo per scrivere un nuovo articolo sulla controversa storia napoletana “Acqua Bene Comune”. E, sinceramente preoccupato per le mie fughe in attacco, ha detto: “E’ una fase delicata, incombe il dissesto, lo spettro di un commissariamento…”. Dal tono della voce non ho percepito nulla di censorio, piuttosto un invito ad usare con più prudenza le parole. Infatti,ha poi sorriso a questa mia risposta: “Sono particolarmente allergico ad ogni decisione d’autorità calata dall’alto, ma l’allergia potrebbe soffocarmi se per un motivo qualsiasi mi ritrovassi a fare lo struzzo con la testa sotto la sabbia”.

Che la questione ABC non sia percepita come criticità cittadina è un dato di fatto sia per la cosiddetta gente comune sia per quella fetta variegata di militanti politici e sociali. Le ragioni potrebbero essere essenzialmente due. La prima: l’ABC non rientra nel calendario dell’attualismo emergenziale, vale a dire non appare da codice rosso (come ad esempio la situazione del TPL o quella dei servizi sociali). Seconda ragione: l’ABC emette bollette di pagamento che assicurano disponibilità di liquidi immediati, e ciò favorisce per ora e forse per i prossimi due anni una regolarità di servizio. In realtà, però, la malattia c’è e, per quanto possa apparire asintomatica, continua nel suo percorso erosivo.

Al momento, non sono state messe in campo terapie efficaci. Anzi, se le cose continueranno a camminare così come stanno camminando, non è un azzardo ipotizzare un collasso dell’azienda entro i prossimi tre anni.

Leggi di più sul sito web di Canto Libre

La Carta di Bari per la difesa delle fonti d'acqua del Mezzogiorno d’Italia

Bari, 7 ottobre 2017

Noi tutti, aderenti alla Rete per la Difesa delle Fonti d’Acqua del Mezzogiorno d’Italia,

DICHIARIAMO

che il riconoscimento concreto del diritto all’acqua è un obiettivo imprescindibile del presente e del prossimo futuro.

E siamo determinati a perseguirlo.

PREMESSO

che nel luglio del 2010 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotta la Risoluzione 64/92, che riconosce l’accesso a un’acqua sicura e pulita e all’igiene come diritto umano.

La Risoluzione è stata approvata con 122 voti favorevoli, nessun contrario e 41 astenuti. Tra i Paesi che hanno approvato la decisione, troviamo essenzialmente i Paesi impoveriti. Gli astenuti, invece, sono la maggior parte dei Paesi geograficamente europei o politicamente affini, nonché Paesi di indubbio rilievo economico e politico su scala internazionale quali gli Stati Uniti, il Canada, il Regno Unito e il Giappone, tutti componenti del G7.

Riconoscere concretamente il diritto all’acqua, senza il sostegno dei Paesi che esercitano una grande influenza sul piano globale, appare assai arduo.

Leggi tutto...